Conserva i ritagli delle sue unghie per farne un anello di fidanzamento

Ecco un genio incompreso, uno di quelli che merita l’olimpo qui su novabbè. Il suo nick è Kiwami Japan ed ha un canale youtube dedicato agli esperimenti in generale, anche se il vero successo del canale arriva dai tutorial su come fabbricare o affilare coltelli partendo dai materiali più disparati.

È un tipo davvero strano, perfetto per la sua terra natia che non smette mai di stupire.

Un tutorial realizzato da lui ha fatto quasi vomitare tutto il web per il disgusto dell’idea: realizzare un anello di fidanzamento usando i ritagli delle proprie unghie.

Basta complicarsi la vita alla ricerca dell’idea perfetta, basta indebitarsi per l’acquisto di un anello, basta con le solite idee che di originale non hanno nemmeno il nome. L’anello di fidanzamento può essere molto di più, può essere una parte di te stesso da regalare per sempre, come i ritagli di unghie ad esempio.

Kiwami ha conservato per un anno i suoi ritagli di unghie delle mani (e forse anche dei piedi, ma non è dato saperlo). Una volta ottenuto il quantitativo desiderato lo ha messo in un frullatore e ridotto in polvere.

Assicuratosi che l’operazione di polverizzazione delle unghie sia stata il più efficace possibile, ha raccolto tutta la polvere unendola a dell’acqua e formando una specie di pasta di unghie (che bontà).

Ha poi preso questa pasta e l’ha compressa il più possibile prima e cotta al microonde dopo.

Il risultato di questa operazione è una pasta di colore scuro che sembra argilla e distoglie per un attimo dalla cruda realtà che quelle di fatto sono unghie tritate e servite. Per concludere la preparazione della “pietra preziosa” fatta di unghie, l’ha messa in una forma e pressata così da ottenere il suo piccolo “diamante” o almeno qualcosa che ne avesse la forma.

Alla fine è bastato incastonare il diamante fatto di unghie all’anello (fatto anch’esso in modo artigianale) ed ecco che nasce il primo anello di fidanzamento fatto con le unghie.

A molti ha fatto schifo l’idea, io penso che

Le unghie toccano il cibo che mettiamo in bocca e nessuno dice niente, perché non dovrebbero toccare il cuore se messe al dito?

La cosa che davvero fa paura è l’inizio del video tutorial pubblicato da Kiwami, dove se ne va passeggiando per il parco preso per mano con una mano finta, quella si che è una cazzo di cosa spaventosa. Guardate voi stessi: