Nei sotterranei di Parigi ci sono ossa di 6 milioni di morti. Perchè non guardare un film seduti affianco?

560

Nel 1700 Parigi ha affrontato un’emergenza davvero seria: i cimiteri erano pieni zeppi di ossa. Gli abitanti della capitale francese decisero quindi che le ossa di milioni di morti dovevano trovare riposo altrove, così nacque l’idea di far si che restino seppelliti si ma in un posto diverso: sotto le strade della città.

All’inizio vennero utilizzate vecchie gallerie di miniere abbandonate, poi con il passare degli anni, quello che era un caos fatto di polvere ed ossa, venne organizzato meglio.

Ad oggi le gallerie sotterranee che a questo punto è meglio chiamare catacombe, sono vietate al pubblico senza un preciso permesso per visitarle. Ci sono però delle persone chiamate “Cataphile” che altro non sono che appassionati del genere in cerca di nuovi posti da esplorare.

Le catacombe prima di essere così sorvegliate, vennero organizzate per essere visitabili. Fu l’occasione giusta per fare ordine tra le ossa e impilarle in modo ordinato.

Ad oggi, se sei un “Cataphile“, oltre che al classico giro armato di torcia e go pro, puoi addirittura organizzarti con altri amici e organizzare una serata di cinema clandestino. Mentre accanto a te riposa una quantità di persone pari al triplo degli abitanti odierni di Parigi, puoi decidere di vedere un film horror. Originale come attività no?

Sembra strano, ma nonostante tutto questa vicenda mi fa pensare a una cosa:

Una vita basata sulla bellezza delle illusioni e del materialismo, non può che finire in una tomba di legno pregiato che verrà prima o poi bruciato e le ossa buttate al vento. Non c’è nessuna ingiustizia, la decisione di buttare al vento qualcosa di importante la si è presa da vivi.

Commenti: