Il generale Marasco da Manfredonia e i cessi in fila lungo la strada

112

Avevo delle certezze nella vita, adesso cominciano a vacillare seriamente. Quando ho fatto il militare (partito come volontario in quanto non rientravo nella leva obbligatoria) ho imparato che dopo una lunga carriera militare si poteva arrivare al grado di Generale. Mentre ero in caserma qualcuno mi è capitato anche di vederlo.

Ieri, mentre guardavo la prima puntata di Realiti, scopro una cosa sconcertante: non esistono solo quei generali, il mondo dei generali è molto più ampio di quanto ci si immagini. In questo mondo fatto di gradi dati qua è là, c’è anche un uomo che ha tutta la mia stima per la volontà che ci mette in ciò che fa, il Generale Marasco da Manfredonia, un uomo sempre pronto a denunciare ciò che non va nel suo territorio.

Il Generale Marasco filma tutte le disavventure del territorio e le pubblica subito dopo sui canali social. I suoi video, seppur semi abbandonati dal grande pubblico fino a qualche giorno fa, hanno cominciato a conquistare la rete risvegliando un’interessante ondata di emozioni e reazioni. C’è chi si limita a ironizzare sui video, chi si complimenta invece felice che un’organizzazione volontaria segnali alle forze dell’ordine quelle che sono delle e vere e proprie disattenzioni fatte proprio da chi è pagato per vigilare.

L'Italia è un paese ormai parodia di se stesso, i volontari autorizzati dallo stato, segnalano allo stato stesso i suoi disservizi. Che spettacolo Condividi il Tweet

Commenti: