18 emozionanti foto “prima e dopo” di cani abbandonati e poi accolti

940

Quanti cani abbandonati avete visto nella vostra vita? Io tantissimi, merito del territorio dove vivo dove il randagismo padroneggia e merito di pseudopadroni che trattano gli animali come accessori.

Un cane, come qualsiasi altro animale, è un’anima sensibile. Oltre alla fedeltà e allo scodinzolamento coatto il cane ha sempre un cuore e un cervello che probabilmente non sarà sviluppato a tal punto da imparare la matematica, ma riesce benissimo a creare quell’atmosfera di amore e vicinanza che aiuta a risolvere anche il più complesso dei problemi. Gli animali sono la dimostrazione vivente che l’amore esiste e praticarlo aiuta a comprendere la vita oltre alle domande che sappiamo porci.

Io l’ho capito raccogliendo il mio Tao dalla strada, strappandolo all’abbandono, alle zecche e alla disidratazione e decidendo di avere un compagno di vita davvero unico. Lui si chiama Tao per questo, per ricordarmi sempre che nel buio completo c’è sempre una luce piccola e nell’abbaglio della bellezza vige sempre un pizzico di buio. Tao è la testimonianza della bellezza e della “bruttezza” della vita assieme. Tao è lui:

Se siete un animo sensibili agli animali, se amate vederli sorridere e sopratutto se volete in questo momento 18 motivi per credere fermamente nell’amore, a prescindere da chi e da come lo manifesta, allora ecco 18 bellissime foto “prima e dopo” di animali abbandonati in un canile e poi nuovamente accolti in una casa, affinché vivano ed esprimano ancora amore.

Gli animali che vedrete hanno avuto storie davvero terribili, da chi aspettava un’eutanasia per una malattia alla pelle (guarita poi dal nuovo padrone) a chi è stato abbandonato dopo anni con il suo padrone. Incidenti, incomprensioni, nuovi stimoli, tutto sembra essere un valido motivo per abbandonarli in un canile. Fortunatamente però nel buio, c’è sempre uno spiraglio di luce. Me lo ha insegnato Tao e me lo confermano queste foto.

E poi, c’è anche lui, l’ospite speciale…

Commenti: