Calo di turisti a Gallipoli. La proposta: renderla un paradiso attrezzato per animali domestici

764

In questi giorni la notizia del brusco calo di turisti a Gallipoli è sulla bocca di tutti. Sembra che nonostante Agosto sia iniziato, la richiesta di prenotazioni sia calata drammaticamente rispetto agli anni scorsi. Ad aggiungersi al disagio generale ci sono case ed alloggi vuoti.

Chi si aspettava di affrontare una guerra di prenotazione e prezzi, si ritrova a passare dal dare per scontato, a sperare negli sconti.

Imprenditori e cittadini se la prendono con l’amministrazione che come sempre è la prima ad essere additata. Tutti adesso traggono conclusioni sulla presunta “cattiva gestione” della città, prendendosi allo stesso tempo il lusso di farlo pubblicamente solo a postumi della vicenda. Un po come quando hai l’amico che corre in macchina ed invece di scendere e rifiutare di uscire con lui, cogli l’occasione per dargli dello scemo solo dopo che ha fatto un’incidente.

Ma non sarà questo a salvare Gallipoli e il calo di turismo, potrebbe invece essere qualcosa che ad oggi sembra esser stata trattata sempre con un certo disprezzo: i cani.

Trovandomi spesso per le spiagge di Rivabella e Gallipoli in generale, ho notato come per un amante dei cani sia davvero impossibile trovare una spiaggia attrezzata o perlomeno che consenta in modo pubblico l’accesso ai cani. Se vai in vacanza in Salento quindi (e non solo a Gallipoli) sembra che sia scontato lasciare il cane a casa.

Ci pensate se Gallipoli fosse una meta per coloro che hanno un cane? Se avesse la maggior concentrazione di spiagge per cani in Italia?

Diventerebbe con un colpo solo, e con un investimento davvero ridotto, una meta che parla di innovazione, accoglienza, accessibilità e sensibilità.

Perché no?

Creare un territorio pet friendly è un’idea vincente in quanto le attività locali affronterebbero (e guadagnerebbero) dai bisogni e dagli intrattenimenti per i padroni, oltre ai bisogni degli animali. Per farla breve, guadagnerebbero tutti, dal barista, al veterinario, al negozio per animali, ai volontari ecc.

…si creerebbe un’economia solida quanto l’amore per gli animali

Pensate se in italia finalmente si potesse dire “Hai un cane? Vai a Gallipoli“. Immaginate minimamente quante famiglie, serene di farlo, sceglierebbero il Salento come meta per le vacanze?

Gallipoli potrebbe essere lo sfondo delle foto più belle fatte tutti assieme.

Le spiagge con poco si trasformerebbero in posti perfetti per i cani e per i loro padroni, basterebbe una piccola staccionata ed un rubinetto d’acqua potabile sempre disponibile.

Guarda 12 cani talmente strani da sembrare alieni, clicca qui