Roy, il Keniano di 25 anni che ha inventato i guanti per far “parlare” i sordomuti

72

Dalla necessità nascono le idee, ecco perché è sempre un bene avere una necessità e non ambire ad una vita utopica dove non si ha bisogno di nulla.

Roy Allela, un ragazzo keniano di 25 anni fortemente appassionato di tecnologie, ha avuto una necessità davvero toccante: parlare con la sua nipotina di 6 anni sordomuta.

Il linguaggio dei segni è comunque un linguaggio che bisogna imparare e non tutti sanno che non è lo stesso per tutto il mondo, quindi non solo sarebbe un bene imparare il linguaggio dei segni, ma anche le varie versioni. Roy purtroppo, occupato a studiare materie come informatica e robotica, non ha mai avuto il tempo ne l’idea di cominciare ad impararlo.