Pastafarianesimo: la religione che riempie spirito e pancia, senza uso di dogmi. Ecco la Chiesa Italiana Pastafariana.

643

Cos’è la fede se non un obbiettivo, una meta, un punto di riferimento da poter usare quando si è alla ricerca di una risposta o di un senso. Chi potrebbe mai dire che una fede è migliore dell’altra? Chi ha le prove concrete di ciò che dice? Se nessuno le ha, tutti sono liberi di cercarle. In fondo è proprio con questo ragionamento che sono nate le religioni, sono tutte la visione della verità secondo il popolo che le venera.

La religione è un argomento davvero complicato su molti aspetti e in un periodo come quello che stiamo vivendo è più facile schierarsi ed offendere senza una base di conoscenza, che approfondire e farsi un’idea. La difficoltà nel riuscire a dialogare con gli altri di un argomento simile consiste nel fatto che spesso e volentieri si “difende” o si “attacca” la fede altrui come se fosse in competizione con l’argomento trattato, come se si parlasse di calcio praticamente.

La religione non è una squadra da tifare, ma il gioco stesso a cui credere.

Nel 2005 uno studente americano, che adesso è un fisico a tutti gli effetti, chiamato Bobby Henderson invia una lettera alla commissione scolastica del Kansas lamentando il fatto che si stava facendo un pò di confusione tra la scienza e il Creazionismo, in quei giorni infatti si era appena votato per inserire delle teorie creazionistiche all’interno delle lezioni di scienze e storia. Questo vuol dire che gli studenti invece di studiare l’evoluzione della terra, l’universo e le varie teorie scientifiche, potevano tranquillamente ritrovarsi seduti su un banco di scuola a imparare che qualsiasi cosa è fatta da Dio e che il perché e il come abbia agito è un mistero.

Praticamente, con delle lezioni simili, fare scena muta poteva significare anche prendere un 10 in quanto se bisogna parlare di misteri ad un’interrogazione, quale migliore risposta se non il silenzio?

Così, in nome della libertà di culto e delle pari opportunità sventolate dallo stato per tutte le fedi, chiede alla commissione di inserire oltre al creazionismo, anche un’altra materia chiamata il “Pastafarianesimo”. La materia è stata completamente “inventata” da lui, anche se si parla di teorie e racconti esistiti dalla notte dei tempi. In fondo se ci pensate bene, è un pò come fece Pietro. La gente gli credette perchè aveva fede nelle sue parole, ma nessuno fino a quei tempi poteva verificare le parole degli evangelisti (che scrissero il vangelo molti anni dopo la morte di Cristo) e così la fede cieca fu l’unica strada per costruire l’attuale Chiesa Cattolica e tutte le Chiese derivanti. Chi può dire che sia vero o meno un fatto accaduto millenni fa? Chiarisco che, a mio parere, la fede cieca non è un errore. Lo sbaglio, sempre secondo me, sta nel voler accecare gli altri con la propria fede.

Se si prende per buono tutto, allora bisogna anche accettarlo il tutto. Se un Vangelo è la “prova” dell’esistenza di Gesù, una Piramide che non ha una spiegazione su come sia stata costruita, è la “prova” dell’esistenza degli alieni? Probabilmente, perché no altrimenti ?

Il Pastafarianesimo è proprio questo, una provocazione che non puoi smentire. La dimostrazione pratica di come la fede è, e dovrebbe restare, un fatto intimo e non essere imposta o usata per avere potere.

Curiosità: un modo per celebrare la propria religione, per un Pastafariano, è quello di indossare uno scolapasta in testa o vestirsi da pirata. Scopri nell’intervista che seguirà il perché di questo gesto.

Dopo molti anni il Pastafarianesimo è arrivato anche i Italia. Sappiate che è una religione a tutti gli effetti e sta tentando di essere riconosciuta anche in Italia. In Nuova Zelanda ad esempio, proprio in nome della libertà di culto, è una religione ufficiale e ne sono riconosciuti anche i matrimoni, tra Pastafariani.

Il bello dei Pastafariani è la gioia e il modo di non prendersi mai troppo sul serio.

Lei è Emanuela Marmo e attualmente è la Pappa della Chiesa Pastafariana Italiana. Cos’è la Pappa? Semplice, una specie di Papa.

Ci sono molte cose da capire su questo movimento, sulla sua genuina ironia e su come effettivamente oltre a non far male a nessuno riesce a far riflettere su molte cose, con ironia, sempre. Per cominciare a capirne un pò di più del Pastafarianesimo vi invito a guardare e sopratutto ascoltare con lo giusto spirito questa intervista a Emanuela.

Quando si è certi e sicuri della propria fede, ascoltare e tollerare le altre diventa un’opera di arricchimento, non di fastidio, perché in fondo se un Dio c’è non avrà sicuramente paura della concorrenza no? Dio non ha concorrenza, le tue idee probabilmente si.

Adesso, per concludere in bellezza, ecco il simpatico spot della Chiesa Pastafariana Italiana.

Viva chi crede in qualcosa, qualunque cosa essa sia, libertà compresa.

Pastafariani Italiani, mi tentate almeno quanto la cosa che amo di più, la pasta.

Info: chiesapastafariana.it / Facebook