Seguici su Facebook!

Come riuscire a conservare un corpo per l’eternità? Certo, conservarlo vivo e vegeto sembra impossibile anche oggi, nonostante la criogenizzazione, ma se si parla della sola conservazione del copro, allora qualcosa si può fare.

Se pensate che il vostro corpo sia memorabile e interessante da morto quanto lo è stato da vivo, allora dovreste sperare che qualcuno ritrovi o conosca qualcosa di simile alla tecnica usata da uno scienziato italiano nato nel 1813 a Pavia, Paolo Gorini, che inventò, per poi mantenere segreta, la formula della pietrificazione.

Si avete capito bene, parliamo di trasformare un corpo fatto di molliccia carne in una specie di statua.

Appassionato in primis di vulcanologia, Gorini fu un uomo di scienza in piena regola, di quelli che la ricerca e la scoperta viene prima della sensibilità, della morale, della propria vita.

A Lodi, cullato dalle mura di un vecchio ospedale, potete trovare il piccolo museo dedicato a Paolo Gorini dove “ammirare” le sue opere. Se siete in vena di farci una passeggiata però siate coscienti che ciò che vedrete non terrà conto della vostra sensibilità. Ci sono molti corpi e parti anatomiche conservate in posizioni e condizione che una persona sensibile potrebbe trovare davvero di cattivo gusto.

Quando si parla di scienza e ci si affida alle sue mani per trovare risposte che sappiano curare il nostro corpo da dentro è elementare comprendere che la domanda da scarnificare, studiare pezzo per pezzo, sacrificare alla ricerca di una risposta, non è una domanda eterea, bensì è il nostro stesso corpo. Se la religione per molti è utile a curare lo spirito, è innegabile che un medico non abbia mai prescritto una preghiera, anche perché se la prescrivesse in supposte non sarebbe poi una gran soluzione.

Paolo Gorini fu anche un grande sostenitore della tecnica della cremazione, così vicino al museo dove vengono conservati corpi e parti anatomiche pietrificate con la sua tecnica, ad oggi sconosciuta nei particolari, fece costruire un crematorio, quello di Riolo, utile a distruggere in primis quelle parti del proprio corpo non utili più a nessuno.

Se volete visitare questo particolare museo, non vi resta che seguire le indicazioni.


Seguici su Facebook!