Vi è mai capitato che una ruota forata vi rovini la giornata ? Con questi pneumatici non dovrete temere più di rimanere a piedi nel bel mezzo delle vostre passeggiate in bici.

novabbe.com
merita il tuo mi piace?

Si chiamano Nexo e sono dei pneumatici non ancora in commercio, per ora rimangono un progetto pubblicato su Kickstarter per una raccolta fondi che ad oggi ha avuto un successo straordinario.

In pratica questi pneumatici non sono gonfiati ad aria, ma fabbricati usando delle particolari miscele di polimeri che, a dire degli ideatori, risultano molto resistenti, leggere e sono davvero perfette per essere usate come materiale per i pneumatici.

Una ruota che non ha aria ed al suo posto ospita una struttura simile, è naturale che non tema nessun chiodo o qualsiasi cosa altra possa danneggiarla.

airless-flat-free-tire-bike-nexo-14

Erano stati già fatti degli esperimenti simili*, per ottenere pneumatici che facessero finalmente dimenticare l’incubo di aver bucato o peggio l’incubo di accorgersi di avere le gomme scariche proprio all’ultimo minuto. Questi esperimenti sino ad ora non hanno trovato successo in quanto le gomme, una volta montate sul supporto, risultavano poco resistenti ed inoltre si danneggiavano dopo pochi chilometri.

Gli ideatori di Nexo assicurano che questi particolari pneumatici durano fino a 8000 Km. (se montati su particolari ruote fornite assieme ai pneumatici). Una bella distanza a pensarci bene.

airless-flat-free-tire-bike-nexo-13

Il guadagno nell’usare i pneumatici Nexo è doppio, escludendo la fine dello stress da fori o da ruote sgonfie, a guadagnarci è sopratutto l’ambiente, in quanto essendo composti da un solo materiale risultano facilmente riciclabili a differenza dei pneumatici esistenti che sono assai più difficoltosi da riciclare o smaltire.

Fonte : Scopri il progetto su Kickstarter

Chissà, magari un giorno faremo a meno di tonnellate di pneumatici da smaltire e di bulli pronti a forare ruote.

airless-flat-free-tire-bike-nexo-15

airless-flat-free-tire-bike-nexo-8

  • Ecco l’esperimento di cui vi parlavamo :