Chiede di non esser salutato quando prende il bus per scuola, il padre reagisce con un travestimento al giorno

783

Uno dei mestieri più difficili del mondo è fare il genitore, perché hai due capi a cui fare attenzione, i tuoi figli e la tua coscienza. Non sempre puoi tenere contenti i tuoi due “capi”.

Questa è la simpatica storia di una sorta di guerra tra padre e figlio. Il figlio, studente al secondo anno, per la prima volta chiede al padre di non salutarlo la mattina quando prende l’autobus poiché si imbarazza di fronte agli amici, il padre sgomentato dalla richiesta decide di fargliela “pagare” in un modo davvero originale.

Ogni mattina, non solo lo saluta, ma si traveste sempre in modo diverso, così da risultare sì dispettoso ma con una grande dose di simpatia.

Questo padre fenomenale, che punisce l’imbarazzo del figlio con un sorriso (metodo con cui sarebbe bello punire molte cose) è diventato un vero fenomeno nel suo quartiere, tanto che i vicini di casa, i genitore degli amici del figlio e molti altri, aspettano la mattina per vedere che travestimento ha scelto.

Il papà ha dichiarato di aver speso per 170 giorni di travestimento una cifra al di sotto dei 100 dollari, questo perché la sua idea è stata talmente virale e simpatica che molti facevano la fila per prestargli dei costumi e vederli indossare per l’ormai atteso saluto della mattina.

Rain, il nome del figlio, dopo i primi giorni ha riconosciuto la grandezza morale del padre e si è gustato fino alla fine dell’anno tutti i travestimenti, imparando dal papà come trasformare un problema in una risorsa, con il sorriso, sempre.

Adesso questa simpatica iniziativa ha dato vita anche a un blog dove potete gustarvi tutti i travestimenti. Su Novabbè vi faccio vedere i primi 30, ma non perdetevi gli altri. Meritano tutti.

Scopri di più: Facebook – Sito web – Twitter