Pesci “alieni” fotografati da un pescatore Russo. Ecco le rarezze dell’oceano poco conosciute ai comuni mortali

897

Ci pensate mai che la superficie terrestre è di gran lunga minore rispetto a quella sommersa dall’acqua? Questo significa che un pescatore ha la stessa probabilità di incontrare un “essere alieno” tanto quanto un astronauta.

Alieno, si intenda, come aggettivo, perché per il resto questi splendidi pesci che vivono nelle profondità dell’oceano, sono terrestri almeno quanto te. Abitiamo tutti la stessa casa.

C’è un pescatore Russo, chiamato Roman Fedorstov che in pratica lavora su un barca per la pesca in oceani ed è proprio grazie al suo lavoro che ha scoperto di poter raccontare questi alieni al resto del mondo grazie ad Instagram.

Il suo ruolo è selezionare i pesci appena pescati, per togliere eventuali taglie non ancora adatte alla pesca oppure pesci che il commercio non richiede. La selezione è l’occasione giusta per stupirsi di fronte ai rari casi dove trova delle razze assurde, con visi, forme e colori che sembrano arrivare dalla fantasia di uno scrittore fantasy.

Da quando ha cominciato a postare su Instagram (ebbene si, c’è qualcuno che posta su Instagram anche quand’è in mezzo all’oceano al freddo a pescare) questi pesci, ha visto il suo account cominciare a lievitare grazie ai follower, questo ed il piacere del racconto attraverso le foto dei pesci prima di essere nuovamente liberati, fanno di Roman una bella persona. Solitaria, con le sue reti da tirare e la sorpresa sempre pronta ad esser accolta e fotografata.

Se avete un account Instagram e vi incuriosiscono questi “alieni” provenienti dalle profondità del mare, fate una cosa buona, seguite Roman qui.

Continuano a pagina 2, scorri verso il basso e fai clic su 2