Mamma usa il pigiama per calmare i suoi bambini iperattivi prima di dormire. Ecco il trucco.

214

Essere genitori è il mestiere più difficile al mondo, esserlo di due bambini iperattivi è anche peggio.

L’iperattività dei bambini, in una società sempre più veloce e distratta, è in aumento. Non tutti i genitori hanno sempre il modo e la pazienza di dedicarsi ai propri figli accompagnandoli nelle avventure e sopratutto nel gioco. Quando si torna a casa estenuati dal lavoro, la volontà di giocare non sempre primeggia come l’amore per tuo figlio, non è una colpa ma nemmeno un bene, è un dato di fatto.

Come fare quindi a calmare i bambini, sopratutto nel momento in cui li si invita ad andare a dormire?

C’è una mamma che ha scoperto un modo sensazionale, giocoso e piacevole per calmare all’istante i suoi bambini prima che questi vadano a letto: un pigiama. Lei si chiama Jessica D’Entremont ed ha avuto un’intuizione davvero geniale.

Ha acquistato per le sue figlie dei pigiami con inserti fosforescenti (ecco un esempio pratico di questi pigiami) e le ha convinte che siano magici. Il trucco in cosa consiste in pratica?

La sera, prima di andare a dormire, le bambine indossano il pigiama e sotto consiglio della mamma si sdraiano a terra a braccia aperte e immobili, perché “solo così il pigiama diventa magico”. Assorbendo la luce, il pigiama e le sue parti fosforescenti si illumineranno al buio una volta spenta la luce, così le bambine possano godersi la magia che sono riuscite ad accumulare.

La mattina, sistemato il tutto, Jessica mette i pigiami nel cassetto così che le parti luminose si scarichino della “magia” della sera prima (non prendendo luce) e siano pronte per la sera successiva.

Un buon metodo per convincere un bambino è usare bene la fantasia. Farlo significa assicurarsi di essere ancora in grado di fantasticare. Condividi il Tweet

Quando Jessica ha postato la foto delle bambine a terra spiegando il suo metodo, l’iniziativa è piaciuta a tal punto da ricevere migliaia di condivisioni e complimenti per l’idea.

Fonte