Pistole e bombe nelle tombe per difendere i cadaveri. Quando i cimiteri erano una “banca” da difendere col fuoco.

72

Se hai dei farmaci efficaci oggi lo devi alla ricerca fatta ieri. Se conosciamo l’anatomia del corpo umano alla perfezione, lo dobbiamo ad anni di ricerca scientifica. Ma per studiare il corpo umano, ci vuole un corpo vero, altrimenti i risultati ottenuti potrebbero essere discutibili.

La ricerca scientifica sui corpi dei cadaveri è necessaria quanto la tela per un pittore, poiché ne rappresenta la materia prima. Vi immaginate di imparare a dipingere esercitandovi senza colori e pennelli ma solo con la fantasia?

Nel medioevo, quando il valore della vita non era poi una priorità, si riuscivano ad ottenere facilmente dei copri sulla quale studiare. Criminali, prigionieri, persone scomparse, contadini sconosciuti a tutti, erano queste le persone perfette per “donare” un corpo alla scienza. Poi il medioevo passò e la domanda dei copri sulla quale studiare aumentò con una tendenza inversa alla disponibilità dei corpi.