Seguici su Facebook!

Salvator Dalì avrebbe sicuramente apprezzato che dopo quasi 30 anni dalla sua morte, grazie alla tecnologia di oggi, la sua figura possa rivivere non solo attraverso il ricordo e le sue opere. Nel museo dedicato a lui a St. Petersburg in Florida hanno creato un’installazione per i visitatori che è qualcosa di davvero fantascientifico.

Usando le foto di Dalì, i suoi video e le sue registrazioni audio, hanno creato una sua versione digitale che sembra “vivere” di luce propria. Grazie all’intelligenza che ha saputo unire tutti i dati, il museo è riuscito ad ottenere una versione digitale dell’artista davvero mozzafiato.

L’installazione creata all’interno del museo si chiama “Dalì Live” e il nome è la perfetta descrizione di ciò che i visitatori si troveranno di fronte. Mentre si gustano il museo, si trovano d’un tratto di fronte ad uno schermo verticale gigante, premendo un semplice pulsante “chiamano” Salvator Dalì che nel frattempo è impegnato a dipingere.

L’artista si avvicina e una volta a due passi dai visitatori si fa apprezzare per il suo realismo. La cosa fa anche un po di senso a pensarci bene. Oltre alle migliaia di interazioni che è capace di sostenere, una cosa davvero social e moderna che fa è il selfie. Meglio di così, solo Dalì, quello vero però.