Esiste un posto nel mondo, dalle parti di New Orleans, dove alle spalle del cimitero sorge una cappella intitolata a San. Rocco, storico santo che si narra guarì nel suo viaggio in europa centinaia di fortunati trovatisi nel posto giusto al momento giusto.

San. Rocco e il suo cane erano profondamente pregati durante il periodo in cui a New Orleans la febbre gialla ed il colera mietevano vittime abbattendoli come fossero alberi nelle foreste amazzoniche, correva l’anno 1860. A quei tempi il sacerdote della zona era un certo padre Thevis, un uomo di una solida fede, tanto solida da affidarsi completamente alla figura del santo per la salvezza di tutti gli appartenenti alla sua congregazione, chiedendone la salvezza di tutti, cosa che avvenne, per miracolo. Così Thevis illuminato da tanta grazia, mantenne l’impegno preso nelle sue preghiere e decise di intitolare la cappella del paese al Santo protettore: Rocco.

San Rocco gli aveva protetti dalle malattie, era il minimo che nel 1876 la cappella fosse ultimata e pronta ad accogliere il santo ed i suoi pellegrini che arrivavano da tutti i paesi vicini per richiedere l’intercessione nella guarigione di svariate malattie. San Rocco era dopotutto il santo protettore dei malati.

Ma cosa portare in dono al Santo oltre alle preghiere e a qualche moneta? Le protesi. Ebbene si.

Cominciò così la tradizione di portare delle vere e proprie protesi, di cui non sapremmo dirvi la provenienza, che col tempo avrebbero riempito le pareti della cappella, assieme a una pavimentazione formata da mattoni con scritto “grazie”. Una devozione tastabile in tutte le direzioni in cui può volgere il vostro sguardo una volta li dentro.

Ad oggi la cappella è stata ingrandita triplicando il suolo calpestabile, così che le protesi fossero tenute in una stanza apposita e dedicata.

Il tempo porta via con se le vite, figurarsi ciò che realizzano, ed è così che questa tradizione col tempo è andata via via sfumando, lasciando a sua testimonianza ciò che rimane, una stanza e i suoi “resti”.

 

Ti piace stupirti? Prova con questi :