Di video come quello che avete appena visto, ultimamente, ne spuntano come funghi. Sembra che tutti i ben pensanti di questa terra abbiano abbracciato la missione di risvegliare le coscienze attraverso contenuti simili.

La vita sui social viene dipinta nella sua forma più naturale, ovvero una vita secondaria, falsa per logica, senza nessuna malizia o cattiveria di mezzo. E’ la sua natura, per quanto sia difficile accettarlo. Il solo fatto di avere un profilo “compilabile” in autonomia la rende poco affidabile.

La realtà è vivere i fatti, non sentirli raccontare

Se la vita sui social dipingesse la realtà così com’è, che senso avrebbe stare con la testa chinata su un monitor ?

Sembra che tutti pensino che le persone siano alienate ed allo stesso inermi di fronte a questa tecnologia che bit dopo bit divora la quotidianità. Nulla di più falso. Chi sceglie di schiavizzarsi su un social network lo fa con piena coscienza, nessuno lo forza o altro. Il problema vero sta nel bisogno di avere una seconda vita, non nel fatto di avercela. Quella è solo la conseguenza.

Nel video in testata, gli autori hanno voluto sottolineare quanto la vita su Instagram sia spesso sentore di falsità e montatura, così, giusto per apparire sempre pronti e belli. Ma questo non lo sapevate già ? Stento a credere che ci siano persone così stupide (vi ricordo che siete sul blog degli stupiti, mica stupidi) da credere che ogni scatto sia il frutto di un istante di realtà e non di minuti di fantasia.

La verità per me consiste nell’avere la coscienza che Instagram è solo un social basato sull’immagine, un mezzo di comunicazione 10 volte più accessibile delle semplici parole e sopratutto alla portata di tutti. Ci si mette molto meno a scattare una bella fotografia che a descriverne il contenuto a parole, Instagram è questo e poco di più.

Le parole sono spesso limitate a degli hashtag, inseriti solo per il fatto di essere “ricercabili” e non rimanere anonimi anche nella rete. La questione di organizzare gli scatti è decisamente secondaria.

Instagram è una gara alla bellezza, dove è lecito usare di tutto per vincere, dalle tette ai neonati, dai gattini alle sgommate di merda, tutto.

Il gioco è per l’appunto questo, cosa c’è da scandalizzarsi nel pensare che ci sia della finzione nel giocare? Instagram non è solo un’innocente app usata da innocenti utenti, è una competizione, un mettersi in mostra. Secondo voi chi decide di usare uno strumento come Instagram per mettersi in mostra lo fa esibendo tutta la sua realtà interiore ? Ma dai, un minimo di concretezza. Com’è naturale che sia, esistono anche casi in cui effettivamente la semplicità della bellezza spontanea vince anche su Instagram, ma sono casi sporadici e occasionali.

Condividere un video come quello presentato in questo articolo è un gesto di liberazione dal peso della realtà che tutti conosciamo:

la finzione attrae più della realtà, sopratutto quando nel reale non abbiamo gli stessi strumenti per riconoscere e premiare i valori veri, come la bellezza o la sincerità.

Chi partecipa ad una gara ne conosce le regole, sempre. Discuterle, volerle rivedere o contestarle significa spesso non essere in testa a quella gara e trovare un motivo per recuperare, richiamando a se valori e ragionamenti che sono completamente esterni alla gara stessa.

Lamentarsi della finzione su Instagram è come lamentarsi della violenza sul porno.

Non preoccupatevi di chi finge sul web, chiedetevi perché lo fa, cercate sempre di curare la causa prima che la conseguenza, così che possiate ossessionarvi di una sola domanda e non delle mille che nascerebbero prendendo in considerazione solo le conseguenze di un problema.  Se i ragazzi hanno bisogno di molti like, allora probabilmente la cura consiste nel fare più apprezzamenti sinceri, nell’allenarsi a trasmettere il proprio piacere e molto altro.

Siamo fragili, mica cattivi.

Ringrazio comunque Ditch the Label, l’organizzazione antibullismo che ha dato vita a questo video. Che le loro iniziative e i loro successi si basino sempre sulle cause e meno sulle conseguenze.

Fonte : https://www.ditchthelabel.org/living-insta-lie/

Che ne pensi?
Classe 86, Salentino, Creativo per natura, Autodidatta nella vita. Ho creato Novabbe per stupire, lo curo ogni giorno stupendomi di ciò che trovo. Ho una sola dipendenza: la libertà. Amo approfondire, dialogare e onorare le parole ed il loro senso. Nella vita sono un consulente web e molto altro.